Analisi e articoli più recenti

Il messaggio di Taiwan per la Cina: Abbiamo un'arma simile a una bomba atomica

di Gordon G. Chang  •  1 luglio 2022

La Cina ha obiettivi e Taiwan ha missili. Quasi il 30 per cento della popolazione cinese è a rischio di un crollo catastrofico della diga delle Tre Gole (nella foto), come quello causato da un attacco missilistico. Ciò si traduce in deterrenza se Taiwan chiarisce che, in difesa della propria sovranità, è pronta a uccidere centinaia di milioni di cinesi. (Foto di STR/AFP via Getty Images)

Il 21 giugno, il Quotidiano del Popolo, il giornale quotidiano della Repubblica Popolare Cinese, ha riportato la notizia che gli Stati Uniti e Taiwan stavano per partecipare ai colloqui annuali di Monterey. Washington, ha affermato la pubblicazione più autorevole della Cina, avrebbe dovuto offrire 20 tipi di armi in vendita a Taiwan, "con enfasi sulla costruzione di 'capacità asimmetriche'".

Taiwan, che la Repubblica Popolare Cinese rivendica come la sua 34ma provincia, ha già capacità asimmetriche e una di queste potrebbe essere potente come un'arma nucleare.

Pechino sostiene che Taiwan non può difendersi. "L'esperto militare Song Zhongping ha affermato che è impossibile per Taiwan formare 'capacità asimmetriche', indipendentemente dal tipo di armi che acquista dagli Stati Uniti, poiché il divario tra le capacità militari delle due parti è 'troppo grande'", ha riportato il Quotidiano del Popolo, organo del Partito Comunista.

Continua a leggere l'articolo

Le vite delle persone nere che non contano: 50 cristiani uccisi nella loro chiesa

di Raymond Ibrahim  •  24 giugno 2022

Domenica 5 giugno, terroristi islamici hanno ucciso più di 50 cristiani durante la Messa di Pentecoste nella chiesa cattolica di San Francesco nello Stato di Ondo, in Nigeria. Nel corso degli anni, i musulmani hanno assaltato, aperto il fuoco o dato alle fiamme a innumerevoli chiese in Nigeria. Dov'è lo sdegno? Dove sono gli "hashtag" a sostegno dei cristiani nigeriani? Perché queste vite di persone nere non contano? Nella foto: il pavimento insanguinato della chiesa cattolica di San Francesco, il 5 giugno 2022. (Foto di AFP tramite Getty Images)

Domenica 5 giugno, i terroristi islamici hanno preso d'assalto la chiesa cattolica di San Francesco, nello stato di Ondo, in Nigeria, e hanno massacrato più di 50 cristiani durante la Messa di Pentecoste. Secondo quanto riportato da un servizio giornalistico, i video provenienti dalla scena dell'attacco "mostravano fedeli che giacevano in pozze di sangue mentre le persone intorno a loro piangevano".

Per quanto terribile possa sembrare questo massacro, è solo la proverbiale "punta dell'iceberg": nel corso degli anni, i musulmani hanno assaltato, aperto il fuoco o dato alle fiamme a innumerevoli chiese in Nigeria. Qui di seguito sono riportati soltanto tre esempi:

Continua a leggere l'articolo

Europa: La demografia governa la democrazia

di Giulio Meotti  •  10 giugno 2022

In Europa, c'è una sostituzione di civiltà e i media non ne parlano affatto.

In Europa, c'è una sostituzione di civiltà e i media non ne parlano affatto.

Sept pas vers l'enfer ("Sette passi verso l'inferno"), il nuovo libro di Alain Chouet, l'ex numero due della DGSE, il potente servizio di controspionaggio francese, è un atto d'accusa contro le élites europee. Chouet rievoca:

Continua a leggere l'articolo

La pandemia ignorata: 360 milioni di cristiani perseguitati in tutto il mondo

di Raymond Ibrahim  •  5 giugno 2022

L'anno 2021 "è stato caratterizzato dalla peggiore persecuzione dei cristiani nella storia", con una media di 16 cristiani uccisi ogni giorno per la loro fede. La persecuzione dei cristiani, già orribile, è aumentata di quasi il 70 per cento negli ultimi cinque anni, senza segni di cedimento. (Fonte immagine: iStock)

L'anno 2021 "è stato caratterizzato dalla peggiore persecuzione dei cristiani nella storia", con una media di 16 cristiani uccisi ogni giorno per la loro fede.

Questa riflessione emerge dalla World Watch List 2022 (WWL-2022) pubblicata di recente dall'organizzazione umanitaria internazionale Open Doors. Il rapporto classifica annualmente i primi 50 Paesi in cui i cristiani sono più perseguitati a causa della loro fede. Il WWL utilizza i dati di operatori sul campo e di esperti esterni per quantificare e analizzare la persecuzione in tutto il mondo.

Secondo la WWL-2022, che si riferisce a un periodo che val dal 1° ottobre al 30 settembre 2021:

Continua a leggere l'articolo

Russia e Cina: Il momento peggiore della storia arriverà presto

di Gordon G. Chang  •  29 maggio 2022

La Russia ha una dottrina nucleare denominata "escalation to deescalation" o, più precisamente, "escalation to win", che contempla la minaccia o l'uso di armi nucleari all'inizio di un conflitto convenzionale. Non può essere un buon segno che Russia, Cina e Corea del Nord al contempo minaccino di lanciare le armi più distruttive del mondo. Nella foto: lanciamissili balistici intercontinentali mobili a una parata militare a Mosca, in Russia, il 24 giugno 2020. (Foto di Sergey Pyatakov - Host Photo Agency via Getty Images)

L'1 maggio, sulla tv di Stato russa, il conduttore e giornalista spesso chiamato "il portavoce di Putin" ha esortato il presidente russo a lanciare un drone sottomarino Poseidon che ha una capacità per una "testata fino a 100 megatoni". La detonazione, ha detto Dmitry Kiselyov, potrebbe innescare uno tsunami alto 1.640 piedi [fino a 500 metri] che "farebbe precipitare la Gran Bretagna nelle profondità dell'oceano". L'onda anomala potrebbe raggiungere a metà Scafell Pike, il picco più alto dell'Inghilterra.

"Questo maremoto è anche un vettore di dosi estremamente elevate di radiazioni", ha sottolineato Kiselyov. "Inondando la Gran Bretagna, trasformerà tutto ciò che resta di loro in un deserto radioattivo, inutilizzabile per qualsiasi cosa. Ti piace questa prospettiva?"

"Un solo lancio, Boris, e l'Inghilterra non c'è più", ha detto Kiselyov, rivolgendosi al premier britannico.

Continua a leggere l'articolo

S'intensifica l'aggressività turca nei confronti della Grecia: 90 sorvoli in un giorno

di Uzay Bulut  •  25 maggio 2022

Secondo i media greci, il 15 aprile, aerei militari turchi hanno violato lo spazio aereo greco ben 90 volte e hanno effettuato tre sorvoli delle isole greche abitate. Gli aerei turchi, di fatto, hanno violato lo spazio aereo greco quasi ininterrottamente dall'inizio dell'anno. Da anni, la Turchia minaccia apertamente di conquistare le isole greche nel Mar Egeo. Nella foto: un F-16 dell'aeronautica turca sorvola Eskisehir, in Turchia, il 13 settembre 2020. (Foto di Adem Altan/AFP tramite Getty Images)

Mentre il mondo è stato distratto dall'invasione russa dell'Ucraina, la Turchia, un membro della NATO, era impegnata a molestare un altro membro dell'Alleanza Atlantica, il suo vicino occidentale, la Grecia.

Secondo i media greci, il 15 aprile scorso, aerei militari turchi hanno violato lo spazio aereo greco ben 90 volte e hanno effettuato tre sorvoli delle isole greche abitate.

Gli aerei turchi, di fatto, hanno violato lo spazio aereo quasi ininterrottamente dall'inizio dell'anno.

Secondo lo Stato Maggiore della Difesa Nazionale della Grecia, la Turchia ha violato lo spazio aereo greco ogni singolo giorno dall'11 al 13 aprile. I suoi caccia F-16 hanno sorvolato le isole greche di Panagia, Oinousses e Farmakonisi. Il quotidiano Kathimerini ha riportato che "i jet turchi sono stati identificati e intercettati dai caccia greci, come previsto dal diritto e dalle prassi internazionali".

Continua a leggere l'articolo

La Cina elude le sanzioni contro la Russia: dove sono le "conseguenze"?

di Judith Bergman  •  10 maggio 2022

Nonostante le dure sanzioni occidentali alla Russia, la guerra del presidente Vladimir Putin contro l'Ucraina dura ormai da più di un mese e Putin non ha alcuna intenzione di fermarsi. La potenza che lo aiuta a resistere agli effetti delle sanzioni e a continuare la guerra è la Cina, il più importante alleato della Russia. Nella foto: Putin incontra il presidente cinese Xi Jinping a Mosca, il 5 giugno 2019. (Fonte dell'immagine: kremlin.ru)

Nonostante le dure sanzioni occidentali alla Russia, la guerra del presidente Vladimir Putin contro l'Ucraina dura ormai da più di un mese e Putin non ha alcuna intenzione di fermarsi. La potenza che lo aiuta a resistere agli effetti delle sanzioni e a continuare la guerra è la Cina, il più importante alleato della Russia.

Poco prima dell'invasione russa dell'Ucraina, il 24 febbraio, Russia e Cina hanno stipulato contratti per centinaia di miliardi di dollari. Il 4 febbraio, Putin ha annunciato nuovi accordi raggiunti con Pechino sul gas e sul petrolio dal valore di circa 117,5 miliardi di dollari. Il 18 febbraio, sei giorni prima dell'invasione, Mosca ha annunciato un accordo da 20 miliardi di dollari per vendere 100 milioni di tonnellate di carbone alla Cina. Il giorno dell'invasione, la Cina, revocando le restrizioni precedentemente in vigore a causa delle preoccupazioni per le malattie delle piante, ha accettato di acquistare grano russo.

Continua a leggere l'articolo

Come i palestinesi profanano i luoghi santi di tutti, incluso il loro

di Bassam Tawil  •  2 maggio 2022

"La Moschea di al-Aqsa e la Chiesa del Santo Sepolcro sono nostre. Sono tutte nostre e loro [gli ebrei] non hanno il diritto di contaminarle con i loro piedi sporchi. Noi rendiamo omaggio a ogni goccia di sangue versata per Gerusalemme. Questo sangue è puro, pulito, versato in nome di Allah. Ogni martire andrà in Paradiso e ogni ferito verrà ricompensato da Allah". – Il presidente dell'Autorità palestinese Mahmoud Abbas. (Fonte dell'immagine: MEMRI)

Ancora una volta i palestinesi hanno mentito al mondo affermando che gli ebrei "profanano" i luoghi santi dell'Islam, in particolare la Moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme.

Se qualcuno profana la moschea e altri luoghi santi, beh, sono gli stessi palestinesi.

Nel 2002, i terroristi palestinesi fecero irruzione nella Basilica della Natività a Betlemme, ma la reazione cristiana mondiale fu moderata. I terroristi rimasero all'interno della chiesa per 39 giorni, lasciandosi dietro di sé coperte e materassi sporchi, accendini e mozziconi di sigaretta, e il "tanfo delle feci". Un sacerdote si è lamentato del fatto che i terroristi avessero anche profanato la chiesa fumando e bevendo alcolici.

Venerdì mattina, 15 aprile, centinaia di "fedeli" palestinesi si sono barricati all'interno della moschea di al-Aqsa e si sono scontrati con agenti di polizia israeliani.

Continua a leggere l'articolo

Perché i palestinesi festeggiano l'uccisione degli ebrei

di Khaled Abu Toameh  •  19 aprile 2022

I festeggiamenti che hanno avuto luogo in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza dopo i recenti attacchi terroristici in Israele sono un altro segno della crescente radicalizzazione tra i palestinesi e del loro rifiuto di riconoscere il diritto di Israele di esistere. Nella foto: gli abitanti di Gaza manifestano il loro sostegno al terrorista che ha ucciso tre uomini a Tel Aviv questa settimana, così come a tre terroristi della Jihad Islamica che sono stati uccisi dopo aver aperto il fuoco sui soldati israeliani. (Photo by Said Khatib/AFP via Getty Images)

I festeggiamenti che hanno avuto luogo in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza dopo i recenti attacchi terroristici in Israele sono un altro segno della crescente radicalizzazione tra i palestinesi e del loro rifiuto di riconoscere il diritto di Israele di esistere.

La gioia espressa dai palestinesi scesi in strada per distribuire dolci e inneggiare slogan a sostegno dei terroristi è identica a quella esplosa nel 1991, quando il dittatore iracheno Saddam Hussein lanciò missili contro Israele nel 1991 durante la prima guerra del Golfo, o quando Hamas, Fatah, la Jihad Islamica palestinese e altri gruppi terroristici lanciarono attentati suicidi, uccidendo centinaia di israeliani durante la Seconda Intifada, scoppiata nel 2000.

Continua a leggere l'articolo

La Cina prende il controllo delle Isole Salomone, e del Pacifico

di Gordon G. Chang  •  18 aprile 2022

La Cina comunista si sta muovendo attraverso il Pacifico da un gruppo di isole a un altro e presto l'Esercito Popolare di Liberazione sarà a breve distanza dalle Hawaii. Il nuovo accordo quinquennale tra la Cina e le Isole Salomone, soggetto a rinnovi automatici, consentirà a Pechino di utilizzare le isole come base per le proprie forze armate e di fare più o meno ciò che vuole l'esercito cinese. Nella foto: il premier cinese Li Keqiang indica la strada al primo ministro delle Isole Salomone Manasseh Sogavare, a Pechino, il 9 ottobre 2019. (Foto di Thomas Peter/Pool/AFP tramite Getty Images)

Il 25 marzo, le Isole Salomone hanno annunciato che stavano "estendendo" gli accordi di sicurezza, "diversificando la partnership per la sicurezza del Paese, anche con la Cina".

L'annuncio ha un tono difensivo. Il giorno prima, gli oppositori di un patto di sicurezza con la Cina hanno fatto trapelare quella che è stata etichettata come una "bozza" di accordo. Il governo del primo ministro Manasseh Sogavare non ha confermato l'autenticità del documento trapelato, ma gli osservatori ritengono che il premier intenda come definitiva quella versione. L'Australia, che ha espresso "grande preoccupazione", ha confermato l'autenticità della bozza.

Il patto, intitolato "Accordo-quadro tra il governo della Repubblica Popolare cinese e il governo delle Isole Salomone sulla cooperazione in materia di sicurezza", evidenzia una tendenza inquietante: la Cina, dopo anni di persistenti sforzi commerciali, diplomatici e militari, sta assumendo il controllo del Pacifico.

Continua a leggere l'articolo

Il "nuovo ordine mondiale" di Biden

di Pete Hoekstra  •  8 aprile 2022

Sebbene non sia chiaro cosa intendesse il presidente degli Stati Uniti Joe Biden quando ha fatto riferimento all'America alla guida di un "nuovo ordine mondiale", il suo operato degli ultimi 15 mesi mostra un'economia americana indebolita, paralizzata dall'inflazione, dalla guerra in Europa, dallo sgretolamento delle alleanze nel Medio Oriente e dalla crescente incertezza in Asia. (Fonte dell'immagine: iStock)

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha di recente concluso il discorso che ha pronunciato davanti ai membri del Business Roundtable con un ambiguo riferimento a un "nuovo ordine mondiale". Secondo la trascrizione di questo discorso fatta dalla Casa Bianca, Biden ha affermato:

"Si verifica ogni tre o quattro generazioni. (...) [Il] momento in cui le cose stanno cambiando. Stiamo per... ci sarà un nuovo ordine mondiale là fuori, e dobbiamo guidarlo. E dobbiamo unire il resto del mondo libero nel farlo".

Di cosa parlava il presidente? Lo ha affermato alla fine del suo discorso, senza però spiegare cosa intendesse. Presumibilmente si riferiva ai cambiamenti in corso nelle strutture di potere internazionali istituite dopo la Seconda guerra mondiale, ma Biden ha un piano per il ruolo che l'America avrà in questo presunto nuovo ordine mondiale, dato che l'Europa si trova potenzialmente coinvolta in un grave conflitto?

Continua a leggere l'articolo

Nessun accordo con l'Iran è meglio di un cattivo affare

di Con Coughlin  •  27 marzo 2022

Avendo palesemente fallito nei suoi sforzi per impedire l'invasione russa dell'Ucraina, l'amministrazione Biden sembra destinata ad accrescere la sua reputazione globale di debolezza raggiungendo un altro accordo nucleare imperfetto con l'Iran. Nella foto: il capo negoziatore nucleare iraniano, Ali Bagheri Kani, parla ai media al Palais Coburg, sede dei negoziati sul nucleare, a Vienna, il 27 dicembre 2021. (Foto di Alex Halada/AFP tramite Getty Images)

Avendo palesemente fallito nei suoi sforzi per impedire l'invasione russa dell'Ucraina, l'amministrazione Biden sembra destinata ad accrescere la sua reputazione globale di debolezza raggiungendo un altro accordo nucleare imperfetto con l'Iran.

I negoziati a Vienna per rilanciare il Piano d'azione globale congiunto, il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), l'accordo del 2015 per limitare i tentativi dell'Iran di acquisire armi nucleari, stanno per giungere a una conclusione, con la possibilità che un nuovo accordo possa essere annunciato nelle prossime settimane.

In realtà, sebbene i funzionari iraniani e occidentali facciano sapere che sta per concludersi un accordo, l'unico ostacolo rimasto sembra essere la richiesta dell'ultimo minuto da parte della Russia di concedere a Mosca la revoca delle sanzioni sui suoi futuri accordi commerciali con Teheran.

Continua a leggere l'articolo

Perché Vladimir Putin ha invaso l'Ucraina?

di Soeren Kern  •  21 marzo 2022

Coloro che credono che il presidente Vladimir Putin stia cercando di ristabilire la Russia come grande potenza affermano che, una volta ottenuto il controllo sull'Ucraina, il presidente russo focalizzerà l'attenzione su altre ex repubbliche sovietiche, inclusi i Paesi baltici di Estonia, Lettonia e Lituania, e in seguito sulla Bulgaria, sulla Romania e persino sulla Polonia. (Foto di Mihail Klimentyev/Sputnik/AFP via Getty Images)

Sono trascorse tre settimane da quando il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato la sua invasione dell'Ucraina, ma non è ancora chiaro perché lo abbia fatto e cosa spera di ottenere. Analisti, commentatori e funzionari governativi occidentali hanno avanzato più di una dozzina di teorie per spiegare le azioni, le motivazioni e gli obiettivi di Putin.

Alcuni analisti ipotizzano che Putin sia motivato dal desiderio di ricostruire l'impero russo. Altri affermano che è ossessionato dall'idea di riportare l'Ucraina nella sfera di influenza della Russia. Alcuni credono che Putin voglia controllare le vaste risorse energetiche offshore dell'Ucraina. Altri ancora ipotizzano che Putin, da vecchio autocrate, stia cercando di mantenere la sua presa sul potere.

Continua a leggere l'articolo

Un piano di pace per l'Europa

di Richard Kemp  •  12 marzo 2022

I prossimi obiettivi di Putin potrebbero essere la Moldavia o i Paesi baltici che, come l'Ucraina, il presidente russo considera illegittimi e facenti parte della sfera russa. Se si vogliono evitare ulteriori sofferenze e spargimenti di sangue, l'Occidente deve fare tutto il possibile per far fallire la sua attuale aggressione. (Foto di Alexey Nikolsky/Sputnik/AFP via Getty Images)

L'obiettivo strategico della NATO dovrebbe ora essere quello di far cadere il presidente russo Vladimir Putin e sostituirlo con un leader meno pericoloso. Se Putin non riuscisse a raggiungere i suoi obiettivi in ​​Ucraina, aspre restrizioni verranno imposte agli oligarchi russi, e sofferenze verranno inflitte ai cittadini comuni dall'azione diplomatica ed economica occidentale. L'attuale avventura di Putin potrebbe portarlo all'autodistruzione.

Se ciò non accade, Putin rimarrà una minaccia permanente per la NATO, l'Europa e per il mondo intero. La legge russa ora gli consente di mantenere il potere almeno fino al 2036. Putin mirerebbe a ricreare l'Unione Sovietica in una nuova forma e ripristinare lo status di superpotenza russa respingendo la NATO, riconquistando il dominio di Mosca sui suoi vicini orientali. Ora chiede persino il disarmo nucleare dell'Europa.

Continua a leggere l'articolo

Una leadership determinata ovunque tranne che in America
Aprire i rubinetti, aprire il gasdotto EastMed!

di Pete Hoekstra  •  5 marzo 2022

La leadership inizia dall'alto e quella del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, come pure quella europea, è in netto contrasto con la leadership dell'amministrazione Biden che fa acqua pressoché da tutte le parti. Nella foto: Zelenskyy incontra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla Casa Bianca, il 1° settembre 2021. (Foto di Brendan Smialowski/AFP tramite Getty Images)

Al momento, le forze ucraine sembrano essere in inferiorità numerica e con meno armi dell'esercito russo. Se il presidente russo Vladimir Putin alla fine riuscirà a sopraffare l'Ucraina e la sua capitale, Kiev, facciamo in modo che questa vittoria diventi la sua Waterloo.

Spinta dalla leadership decisa e combattiva mostrata dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, la reazione mondiale all'invasione di Putin è stata rapida e dura nei confronti della Russia. Le sanzioni alla Banca Centrale russa e le restrizioni imposte ad alcune banche russe dal sistema per lo scambio delle transazioni finanziarie SWIFT hanno ridotto il valore di un rublo russo a meno di un centesimo, mentre in Russia i tassi d'interesse superano il 20 per cento. Il mercato azionario russo è stato chiuso preventivamente per evitare un crollo e alle compagnie aeree russe è vietato volare nei cieli di gran parte del pianeta.

Continua a leggere l'articolo

Questo sito utilizza i cookie per offrire il miglior servizio possibile.
Per saperne di più, ti invitiamo a visionare la nostra Informativa sulla privacy e sull'uso dei cookie.