• "Alcune di queste donne e ragazze hanno dovuto guardare morire dissanguati sotto i loro occhi bambini di 7-8 e 9 anni, dopo essere state violentate dalle milizie dell'Isis più volte al giorno." — Mirza Ismail, a capo dell'Organizzazione dei diritti umani yazidi.

  • "I membri dell'Isis hanno istituito un ufficio ad Antep (in Turchia) dove le donne e i bambini rapiti dallo Stato islamico vengono venduti per elevate somme di denaro. E dove sono i ministri e i funzionari delle forze dell'ordine di questo paese che parlano di stabilità?" — Reyhan Yalcindag, un eminente avvocato curdo, paladina dei diritti umani.

  • "Cinquemila persone sono tenute prigioniere. Le donne e i bambini vengono stuprati e poi venduti. Questi devono essere considerati crimini." — Leyla Ferman, copresidente della Federazione degli yazidi d'Europa.

  • "La Turchia ha firmato molti trattati internazionali, ma occupa il primo posto per quanto riguarda la mancanza di rispetto delle norme contenute nei trattati in materia di diritti umani." — Reyhan Yalcindag.

Questo mese, la rete televisiva tedesca ARD (acronimo che sta per Consorzio delle emittenti radiotelevisive pubbliche della Germania) ha trasmesso dei filmati che documentano il commercio degli schiavi da parte dello Stato islamico (Isis) attraverso un ufficio di collegamento nella provincia di Gaziantep (nota anche come Antep), in Turchia, vicino al confine con la Siria.

Nell'agosto 2014, i jihadisti dello Stato islamico attaccarono Sinjar, città dove vivevano oltre 400.000 yazidi. Le Nazioni Unite hanno confermato la notizia che 5.000 uomini sono stati uccisi e ben 7.000 donne e ragazze sono state catturate e rese schiave del sesso.

Se qualcuna di loro è riuscita a scappare o è stata affrancata, sono migliaia quelle scomparse.

Un reportage della rete tv tedesca ARD mostra le foto degli schiavi yazidi diffuse dall'Isis (a sinistra) e la scena di un video girato di nascosto in cui si vedono operativi dell'Isis che incassano i soldi della vendita di schiavi (a destra).

Il mese scorso, dopo che le forze curde hanno riconquistato l'area strappandola ai jihadisti dell'Isis, a est di Sinjar sono state scoperte delle fosse comuni che pare contengano i resti di donne yazide.

I canali televisivi tedeschi NDR e SWR hanno dichiarato sui loro siti web:

"L'Is (Stato islamico) offre le donne e i bambini in una sorta di mercato virtuale degli schiavi con tanto di foto. (...) Il trasferimento di denaro, come ha scoperto il giornalista, avviene tramite un ufficio di collegamento, in Turchia. ...

"Per settimane, NDR e SWR hanno accompagnato un intermediario yazida, che, per conto delle famiglie, negozia con l'Isis per il rilascio degli schiavi e dei bambini. (...) Le donne sono vendute al miglior offerente in un mercato digitale degli schiavi. Il prezzo richiesto oscilla tra 15.000 e 20.000 dollari. Le stesse somme sono richieste per affrancare gli yazidi. Il denaro viene poi trasferito al gruppo terroristico attraverso gli uffici di collegamento dello Stato islamico e gli intermediari.

"NDR e SWR erano presenti alla liberazione di una donna e dei suoi tre bambini, di età compresa tra i due e i quattro anni, e hanno seguito le trattative. Non è chiaro quanti schiavi yazidi siano ancora di 'proprietà' dell'Isis. Gli esperti stimano che potrebbero essere centinaia".

L'intermediario ha raccontato che i due canali tv tedeschi hanno trasferito all'Isis nel corso di un anno più di 2,5 milioni di dollari, tramite le famiglie di 250 donne e bambini yazidi, al fine di liberarli.

L'uomo ha anche detto che per pubblicizzare gli schiavi lo Stato islamico assegna dei numeri alle donne e ai bambini schiavi, e poi pubblica le loro foto su WhatsApp.[1]

In risposta a queste notizie, l'Ordine degli avvocati di Gaziantep ha presentato una denuncia penale contro "l'Organizzazione di Intelligence nazionale turca (MIT) e gli agenti delle forze dell'ordine che hanno trascurato il proprio compito e commesso irregolarità, non avendo adottato le misure necessarie e compiuto la preventiva attività di intelligence, prima che i media si occupassero di tali episodi".

L'Ordine degli avvocati ha inoltre chiesto che i procuratori iniziassero a perseguire e punire chi si macchia di reati come "il traffico di esseri umani, la prostituzione, il genocidio, la privazione della libertà, i crimini contro l'umanità e il traffico di migranti", secondo il codice penale turco.

"La tragica realtà", ha detto l'avvocato Bektas Sarkli, presidente dell'Ordine degli avvocati di Gaziantep, "è che Gaziantep è una città affollata; gli attentatori suicidi si recano facilmente in Siria e in Iraq. Purtroppo, Gaziantep esporta il terrorismo".

Sarkli ha aggiunto: "Quando si vedono le armi e le munizioni catturate e si tiene conto del denaro trasferito qui [è chiaro che] l'Isis trova facilmente rifugio in questa città. Gaziantep è la base logistica dell'Isis".

Mahmut Togrul, un parlamentare del pro-curdo Partito democratico del popolo (Hdp), in una mozione rivolta a Efkan Ala, il ministro degli Interni turco, ha chiesto del presunto ufficio dove i membri dell'Isis sono impegnati nel commercio degli schiavi e di donne e bambini a fini sessuali. Tra le domande poste: 'Quanti uffici di collegamento affiliati all'organizzazione terroristica dell'Isis ci sono a Gaziantep? E se ci sono, questi uffici hanno un fondamento giuridico? Sotto quali nomi operano questi uffici? Essi sono collegati a qualche istituzione?'

Ma il ministro degli Interni Ala non ha ancora fornito alcuna risposta.

"Secondo la stampa locale di Gaziantep, e anche nazionale," ha detto Togrul, "Gaziantep è stata trasformata in una città che ospita cellule dormienti del gruppo terroristico Isis; i membri dello Stato islamico abbondano e circolano".[2]

La "Piattaforma di lotta per le donne rapite", il Congresso della società democratica (DTK) e il Congresso curdo delle donne libere (KJA), a Diyarbakir, hanno presentato una denuncia penale, chiedendo ai procuratori di indagare sulle accuse e far sì che i criminali vengano assicurati alla giustizia.

Reyhan Yalcindag, un eminente avvocato curdo, paladina dei diritti umani, ha detto: "I membri dell'Isis hanno istituito un ufficio ad Antep (in Turchia) dove le donne e i bambini rapiti dallo Stato islamico vengono venduti per elevate somme di denaro. E dove sono i ministri e i funzionari delle forze dell'ordine di questo paese che parlano di stabilità?"

"La Turchia", ella ha asserito "ha firmato molti trattati internazionali, ma occupa il primo posto per quanto riguarda la mancanza di rispetto delle norme contenute nei trattati in materia di diritti umani."

Leyla Ferman, copresidente della Federazione degli yazidi d'Europa, ha fatto riferimento al numero di genocidi a cui gli yazidi sono stati esposti nel corso della storia. "Gli yazidi hanno ricevuto 73 condanne a morte", ella ha detto. "La gente viene massacrata dallo Stato islamico. Migliaia di donne yazide sono scomparse. Cinquemila persone sono tenute prigioniere. Le donne e i bambini vengono stuprati e poi venduti. Oggi, a causa della guerra, le donne sono sparse ovunque. Queste cose devono essere considerate crimini".

E questa non è la prima volta che i media parlano della presenza dell'Isis ad Antep.

Nel novembre 2015, dopo gli attacchi terroristici del 13 novembre a Parigi, è apparso il filmato di un gruppo che sventolava le bandiere nere dell'Isis, strombazzando i clacson delle loro automobili e festeggiando nelle strade di Antep. Questo video è stato ampiamente condiviso sui social media. Un utente ha scritto: "Questa è la Turchia che apparentemente lotta contro l'Isis. Questo è il convoglio dell'Isis ad Antep che celebra il massacro di Parigi".

Gli yazidi, una comunità storicamente perseguitata, sono di etnia curda, ma non sono musulmani; la loro religione originaria, lo yazidismo, è legata alle antiche religioni mesopotamiche. Gli yazidi sono originari della Mesopotamia settentrionale e dell'Anatolia; parte della patria yazida si trova in quella che è la Turchia moderna; altre parti sono in Siria e in Iraq.

Gli yazidi sono esposti a campagne di islamizzazione forzata e di assimilazione, secondo il sociologo turco Ismail Besikci, un eminente esperto di Kurdistan:

"Durante le deportazioni dei greci pontici del 1912-1913 e il genocidio armeno del 1915, anche gli yazidi furono cacciati dalle loro terre. In tutta la storia della Turchia repubblicana, si è tentato di tutto per islamizzare gli yazidi. Prima del 1915, ad esempio, Suruc era una città interamente yazida. E così anche la città di Viransehir. Oggi, non è rimasto un solo yazida a Suruc. Inoltre, gli yazidi islamizzati mostrano un comportamento offensivo nei confronti di coloro che rimangono yazidi".

Poiché essi sono curdi, lo Stato non riconosce che lo siano; e visto che sono yazidi, lo Stato non riconosce la loro religione. Nelle loro carte d'identità lo spazio sotto la voce "religione" è lasciato vuoto; oppure in alcuni casi è segnata una "x" o è stato inserito un trattino.

"Dalle ricerche risulta che nel 2007, c'erano solo 377 yazidi in Turchia", ha detto Erol Dora un deputato assiro del Partito democratico del popolo (Hdp).

"Gli yazidi proprio come le altri minoranze in Turchia, sono stati anche esposti alle discriminazioni e all'odio razzista: ecco perché hanno dovuto lasciare le loro terre. (...) I loro villaggi e le terre sono state confiscati; le loro aree agricole sono state espropriate, e i loro luoghi sacri sono stati attaccati. Tutti questi atteggiamenti razzisti continuano ancor oggi; la lingua, la religione e la cultura degli yazidi rischiano l'estinzione".

Gli yazidi affermano di essere stati sottoposti a 72 tentativi di sterminio o di genocidio. Oggi, essi sono le vittime di un altro tentativo di genocidio in Iraq – per mano dei jihadisti dell'Isis.

"Secondo le numerose donne e ragazze che sono riuscite a fuggire con cui ho parlato nel nord dell'Iraq, il numero degli yazidi rapiti, per lo più donne e bambini, supera i 7.000", ha detto Mirza Ismail, fondatore e presidente dell'Organizzazione dei diritti umani yazidi, nel suo discorso davanti al Congresso.

"Alcune di queste donne e ragazze hanno dovuto guardare morire dissanguati sotto i loro occhi bambini di 7-8 e 9 anni, dopo essere state violentate dalle milizie dell'Isis più volte al giorno.

"Ho incontrato le madri di bambini che sono stati loro strappati dall'Isis. Queste stesse madri supplicavano di riavere indietro i loro figli, solo per essere informate che loro, le madri, erano state alimentate dall'Isis con la carne dei propri figli. I bambini uccisi, dunque erano il cibo delle loro madri.

"Le milizia dell'Isis hanno bruciato vive molte ragazze yazide che si sono rifiutate di convertirsi e di sposare gli uomini dello Stato islamico. I ragazzini yazidi vengono addestrati per diventare jihadisti e kamikaze. Tutti i nostri templi ubicati nell'area controllata dall'Isis sono stati fatti esplodere e distrutti. Per quale motivo? Perché noi non siamo musulmani e perché il nostro cammino è un cammino di pace. Per questo, veniamo bruciati vivi: per vivere da uomini e donne di pace".

Gli yazidi, uno dei popoli più pacifici della Terra, stanno lottando per sopravvivere a un altro genocidio musulmano, sotto gli occhi del mondo intero.

Se gran parte del mondo rimane in silenzio, un membro della Nato, la Turchia, è apertamente complice: un catalizzatore del terrorismo jihadista. Reportage e testimoni oculari affermano che la Turchia ha contribuito all'ascesa dello Stato islamico consentendo il transito di armi e combattenti attraverso i propri confini. Alcuni combattenti si uniscono al gruppo terroristico jihadista.

Le ultime inchieste giornalistiche rivelano che in Turchia, un paese che pensa diventare membro dell'Unione Europea, le donne e i bambini yazidi sono venduti come schiavi sessuali. E intanto, il governo turco non si è nemmeno preso la briga di rilasciare una sola dichiarazione in merito a questi reportage.

Questo è ciò che succede quando un regime non è mai ritenuto responsabile.

Uzay Bulut, musulmana di nascita, è una giornalista turca che vive ad Ankara.


[1] Utilizzando i log delle chat, i documenti, le foto e le dichiarazioni dei testimoni, il video di ARD mostra Abu Mital, un uomo yazida che fa da intermediario con l'Isis, mentre acquista dallo Stato islamico una donna yazida e i suoi tre figli di età compresa tra i due e i quattro anni, e un bambino di 11 anni, per restituirli alla loro famiglia.

Mital ha contattato e negoziato con i membri dell'Isis su Internet e ha fissato un prezzo per la vendita della donna e dei bambini. Poi, si è recato nella provincia sudorientale di Gaziantep, in Turchia. Durante la sua visita all'ufficio di Gaziantep l'uomo è stato filmato di nascosto. Nell'ufficio, in cui lavorano solo siriani, c'erano una serie di macchine contasoldi.

L'Isis ha chiesto 20.000 dollari per la donna e 15.000 dollari per il bambino di 11 anni. Il filmato mostra Mital che consegna il denaro ai siriani presenti nell'ufficio, che poi contano le banconote con le macchinette.

Dopo aver pagato, l'uomo si è recato in un hotel in Siria, in attesa di un altro messaggio WhatsApp. Poi, gli è stato detto che sarebbe stato contattato da qualcuno per la consegna della donna e dei suoi tre figli. E quando i membri della famiglia yazida hanno raggiunto i loro congiunti in Siria, sono tutti scoppiati in lacrime. (Fonte: "Una rete tv tedesca filma la tratta degli schiavi dell'Isil in Turchia", 3 dicembre 2015, Today's Zaman.)

[2] La mozione di Togrul comprendeva anche le seguenti domande:

"Se è esatta la somma di denaro che l'Isis guadagna dalla vendita degli schiavi, chi è l'intermediario che trasferisce questi soldi? E attraverso quali mezzi lo fa?

"Il governatore sa che a Gaziantep esiste un ufficio dove lo Stato islamico vende gli schiavi? Se ne è a conoscenza, ha rilasciato una dichiarazione in merito o ha fatto delle indagini?

"Quante donne e ragazze yazide che sono state rapite dall'Isis nella regione del Kurdistan iracheno sono entrate in Turchia e sono arrivate a Gaziantep?

"Sapete quante donne yazide e altre rifugiate vivono a Gaziantep e dove sono?

"Quante irruzioni sono state finora negli alloggi di cellule dell'Isis? Quante di queste cellule sono state arrestate? Avete constatato se i membri di questa organizzazione terroristica siano impegnati nel commercio di donne e bambini yazidi ridotti in schiavitù?

"Quanti alloggi di cellule affiliate all'Isis ci sono a Gaziantep? L'intelligence turca dispone di dati a riguardo? E se ne ha, perché non interviene per porre fine alla tratta degli schiavi gestita dall'organizzazione terroristica dell'Isis? Il fatto che non intervenga non significa che siano complici?

"L'organizzazione terroristica dell'Isis usa Gaziantep come base. Che tipo di precauzioni il suo ministero intende prendere contro questo?"

Argomenti correlati:  Turchia
Articoli recenti di
per ricevere l'ultimo articolo per email, iscriviti alla mailing list togratuita del gatestone institute.

it