• La cosa particolarmente inquietante è che anche l'Autorità palestinese (Ap), che è sostenuta e finanziata da Stati Uniti e Unione Europea, sta svolgendo un ruolo attivo nella campagna contro il festival e gli artisti palestinesi che vi partecipano. Questo dissenso sarebbe più facile da capire se fossero Hamas o la Jihad islamica palestinese ad essere contrarie alla manifestazione artistica, ma l'opposizione espressa dall'Ap invia il chiaro messaggio rivolto ai palestinesi dai loro leader di Ramallah che Israele non si può accettare, punto e basta!

  • Questo è un festival che non fa altro che promuovere la cultura e la pace, e l'Autorità palestinese, ancora una volta, favorisce l'esatto opposto. In tutto il mondo, la musica e la cultura vengono utilizzate per promuovere la convivenza e la pace tra i popoli. Tuttavia, i palestinesi sembrano accostarsi all'arte in modo differente. Anziché accogliere gli eventi culturali che cercano di ridurre il divario esistente tra le popolazioni, i palestinesi considerano l'arte una minaccia letale alla loro ideologia e ai loro valori.

  • Se artisti israeliani e palestinesi partecipano insieme a un festival, questo viene definito dai palestinesi comuni e dalla loro leadership come un crimine e un atto di tradimento. E allora si può mai sperare che un leader palestrinese firmi un accordo di pace con Israele?

Continuano le tattiche intimidatorie palestinesi.

Le ultime vittime sono gli artisti palestinesi che stanno facendo le spese di una campagna di intimidazione per costringerli a boicottare un festival musicale estivo, con il pretesto che l'evento promuove la "normalizzazione" delle relazioni con Israele. Gli artisti sono stati avvisati che chiunque partecipi al Mekudeshet Festival, un evento che fa parte della Stagione della Cultura di Gerusalemme, sarà espulso dall'Unione generale degli artisti palestinesi.

Il festival, che si svolge a Gerusalemme dal 23 agosto al 15 settembre, cerca di "offrire un punto di vista alternativo e una prospettiva più aperta sulla realtà" della città, come si legge sul sito web del Mekudeshet Festival.

"Cerchiamo di sostituire i pregiudizi e le idee prestabilite con un approccio meno critico e multiforme alla stessa realtà. Cerchiamo di elevare lo sguardo, abbattere le frontiere, generare empatia e aprire i nostri cuori e le menti. Cerchiamo di ricordare, sempre, che Gerusalemme ci conquista, ci libera e ci permette di unirci intorno a un comune amore per la città".

Il festival è un evento prettamente culturale e artistico per coloro che desiderano esprimere il loro amore per Gerusalemme. Gli organizzatori, che non appartengono a nessun partito politico, non intendono esprimersi sullo status di Gerusalemme:

"Per noi, Gerusalemme è uno stato di consapevolezza. Stiamo costantemente cercando di toccare la sua anima profonda e la sua santità, di affrontare le sue sfide e capire le sue esigenze, e di sanare la sua ferita profonda e aperta. Tutte le nostre creazioni artistiche nascono da Gerusalemme".

(Fonti dell'immagine: Mekudeshet, Navot Miller/Wikimedia Commons)

Le dichiarazioni di affetto degli organizzatori non sono evidentemente riuscite a impressionare i palestinesi, che hanno lanciato una feroce campagna contro il festival, formulando minacce contro i partecipanti palestinesi. La campagna è un ulteriore segno del crescente estremismo e rifiuto da parte dei palestinesi di ogni forma di cooperazione e convivenza con Israele.

La cosa particolarmente inquietante è che anche l'Autorità palestinese (Ap), che è sostenuta e finanziata da Stati Uniti e Unione Europea, sta svolgendo un ruolo attivo nella campagna contro il festival e gli artisti palestinesi che vi partecipano. Questo dissenso sarebbe più facile da capire se fossero Hamas o la Jihad islamica palestinese ad essere contrarie alla manifestazione artistica, ma l'opposizione espressa dall'Ap invia il chiaro messaggio rivolto ai palestinesi dai loro leader di Ramallah che Israele non si può accettare, punto e basta!

L'indignazione palestinese per il festival e la partecipazione di artisti connazionali rivela anche quanto siano fuorvianti le parole espresse dal presidente dell'Ap Mahmoud Abbas sul fatto che i palestinesi educano i loro figli alla cultura della pace. Questo è un festival che non fa altro che promuovere la cultura e la pace, e l'Autorità palestinese, ancora una volta, favorisce l'esatto opposto.

Il Ministero della Cultura palestinese ha inventato una scusa ridicola per giustificare la sua opposizione alla manifestazione artistica. Secondo il dicastero, la Stagione della Cultura di Gerusalemme, che organizza il festival, non è ufficialmente registrata presso l'Autorità palestinese.

Il ministero afferma inoltre che l'evento non era stato anticipatamente concertato con l'Ap, i cui rappresentanti ne sono venuti a conoscenza tramite i media. Eppure, il vero problema è stato di fatto rivelato dallo stesso dicastero: "Il ministero è contrario a qualsiasi attività che mira a promuovere la normalizzazione con l'occupazione israeliana", ha dichiarato una fonte dello stesso Ministero della Cultura.

L'Unione generale degli artisti palestinesi, che è una branca dell'Olp, diretta dal presidente dell'Ap Mahmoud Abbas, sta conducendo la campagna contro il Mekudeshet Festival e i partecipanti palestinesi. Il gruppo ha invitato tutti gli artisti palestinesi a boicottare la manifestazione con il pretesto che promuove "la normalizzazione" e "appoggia i fini israeliani". Musa Hafez, a capo dell'Unione generale degli artisti palestinesi, ha sottolineato che qualsiasi palestinese che avrebbe partecipato al festival sarebbe stato espulso dall'Unione. Hafez ha detto che la misura punitiva sarà applicata anche ai cittadini arabi israeliani che prenderanno parte alla manifestazione artistica.

Tra le tattiche intimidatorie utilizzate dalla comunità palestinese per "convincere" gli artisti palestinesi a non partecipare c'è anche quella attuata da siti web palestinesi che hanno pubblicato i loro nomi esortandoli a boicottare il festival.

Anche il PACBI – la Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele – un gruppo anti-Israele, si è unito alla campagna di intimidazione. Uno dei suoi leader, Zeid Shuaibi, ha detto di aver contattato alcuni dei partecipanti per convincerli a boicottare il "festival della normalizzazione", ma si è poi lamentato del fatto che il suo gruppo non ha ricevuto alcuna risposta da parte degli artisti palestinesi. "Il festival mira a distorcere la verità e a dare l'impressione che israeliani e palestinesi convivano in una città (Gerusalemme)", ha obiettato Shuaibi. "Si tratta di un tentativo israeliano di sfruttare gli artisti palestinesi come se fossero una foglia di fico per abbellire l'immagine di Israele davanti al mondo".

Come hanno vissuto gli artisti questa raffica di telefonate e messaggi minacciosi da parte degli attivisti anti-Israele? "Persuasione" è il termine che Shuaibi utilizza per descrivere la pressione esercitata per tenere alla larga gli artisti dal festival. Una persuasione del genere è pura intimidazione – chiedetelo agli artisti e ve lo diranno loro.

Un artista, che è voluto rimanere anonimo, ha spiegato: "È molto spiacevole ricevere una telefonata a notte fonda da questa gente. È terribile quando ti dicono che saresti denunciato come traditore se andassi a cantare a un festival con gli ebrei". L'uomo ha raccontato che la campagna di intimidazione ha colpito anche alcuni dei suoi familiari. "Hanno anche telefonato e inviato messaggi ai miei genitori, zii e cugini, chiedendo loro di esercitare pressioni su di me affinché boicottassi il festival".

Non sorprende affatto che i palestinesi ricorrano ai social media per condurre una compagna contro la partecipazione palestinese al festival di Gerusalemme. Su Facebbok e Twitter, i palestinesi hanno condannato la manifestazione artistica, definendola un atto di "normalizzazione" con Israele. "La normalizzazione è un crimine" è uno degli slogan utilizzati dagli attivisti palestinesi che sfruttano a piene mani i social media.

In tutto il mondo, la musica e la cultura vengono utilizzate per promuovere la convivenza e la pace tra i popoli. Tuttavia, i palestinesi sembrano accostarsi all'arte in modo differente. Anziché accogliere gli eventi culturali che cercano di ridurre il divario esistente tra le popolazioni, i palestinesi considerano l'arte una minaccia letale alla loro ideologia e ai loro valori.

I palestinesi rovinano regolarmente gli incontri politici finalizzati alla pace tra israeliani e palestinesi, ma questa campagna, volta a consentire tanto agli israeliani quanto ai palestinesi di esprimere il loro amore per Gerusalemme, porta l'intolleranza a un livello completamente diverso. Se artisti israeliani e palestinesi partecipano insieme a un festival, questo viene definito dai palestinesi comuni e dalla loro leadership come un crimine e un atto di tradimento. E allora si può mai sperare che un leader palestrinese firmi un accordo di pace con Israele?

Bassam Tawil è un musulmano che vive e lavora in Medio Oriente.

Argomenti correlati:  Autorità Palestinese
Articoli recenti di
per ricevere l'ultimo articolo per email, iscriviti alla mailing list togratuita del gatestone institute.

it