• In Germania, le violenze sessuali sono aumentate vertiginosamente da quando Angela Merkel ha permesso a più di un milione di migranti, per lo più maschi, provenienti dall'Africa, Asia e dal Medio Oriente di entrare nel paese. Questi reati vengono minimizzati dalle autorità, a quanto pare per evitare di alimentare sentimenti contrartri all'immigrazione.

  • "Nel momento in cui i migranti vedono una giovane donna che indossa una gonna o un abito svolazzante, credono di avere il via libera." – Il proprietario di un ristorante di un centro commerciale di Kiel.

  • "Ogni agente di polizia sa che deve soddisfare una particolare aspettativa politica. È meglio tacere [sui crimini commessi dai migranti] perché si può sbagliare." – Rainer Wendt, presidente del sindacato della polizia tedesca.

  • La polizia lancia l'allarme su un possibile collasso dell'ordine pubblica la prossima estate, quando le donne indossando abiti più leggeri si troveranno faccia a faccia con i giovani migranti di sesso maschile.

  • Jakob Augstein, un autorevole editorialista della rivista Der Spiegel, dice che i tedeschi preoccupati per i crimini dei migranti sono mossi dal razzismo. Le sue opinioni fanno chiarezza sul mondo del multiculturalismo tedesco: i migranti che aggrediscono le donne e i minori tedeschi non fanno altro che ribellarsi alle strutture di potere tedesche. I tedeschi che criticano queste aggressioni sono razzisti.

  • La polizia di Colonia ha ricevuto più di 1.000 denunce da parte di donne, tra cui 454 segnalazioni di aggressioni a sfondo sessuale, legate alla notte di Capodanno. La polizia di Amburgo ha ricevuto denunce da parte di 351 donne, tra cui 218 segnalazioni di aggressioni sessuali commesse quella stessa sera.

Una folla di richiedenti asilo provenienti dall'Afghanistan ha aggredito tre ragazze adolescenti in un centro commerciale della città tedesca di Kiel. L'aggressione – che è durata due ore la sera del 25 febbraio è stata analoga alle aggressioni di massa perpetrate sulle donne di Colonia la sera di Capodanno – mostra ancora una volta che gli spazi pubblici del paese stanno diventando sempre più pericolosi per donne e minori.

I rapporti della polizia mostrano che in Germania le violenze sessuali sono aumentate vertiginosamente da quando Angela Merkel ha permesso a più di un milione di migranti, per lo più maschi, provenienti dall'Africa, Asia e dal Medio Oriente di entrare nel paese. Tuttavia, questi reati vengono minimizzati dalle autorità, a quanto pare per evitare di alimentare sentimenti contrari all'immigrazione.

La polizia di Kiel dice che l'aggressione è iniziata intorno alle 17.30, quando due afgani (di 19 e 26 anni) hanno cominciato a tampinare e fotografare le tre ragazze (di 15, 16 e 17 anni) in un fast food dello Sophienhof, un grande centro commerciale vicino alla stazione ferroviaria centrale della città.

Dopo aver postato le foto delle ragazze sui social media, i due uomini sono stati raggiunti da almeno una trentina di altri migranti che hanno cominciato tutti insieme a molestare le ragazze in un "gioco dello stupro" conosciuto in arabo come "taharrush" (al-taharrush al-jinsi che in arabo sta per "molestia sessuale").

All'arrivo della polizia, i migranti, anziché scappare, hanno cominciato a insultare e aggredire gli agenti, alcuni dei quali sono stati feriti. Alla polizia, ci sono volute due ore per ristabilire l'ordine. I due migranti afgani che hanno dato il via all'aggressione sessuale, sono stati arrestati; gli altri migranti coinvolti nell'aggressione sono ancora in libertà.

In una conferenza stampa del 27 febbraio, il portavoce della polizia Oliver Pohl ha rivelato che sempre più donne si stanno facendo avanti per segnalare di aver vissuto esperienze simili all'episodio al Sophienhof.

Il proprietario di un ristorante del centro commerciale ha detto:

"Gruppi di giovani uomini si riuniscono al Sophienhof ogni sera. Quello che fanno qui è inaccettabile. Nel momento in cui i migranti vedono una giovane donna che indossa una gonna o un abito svolazzante, credono di avere il via libera. È arrivato il momento che si spieghi ai migranti che le cose in Germania funzionano diversamente rispetto al loro paese d'origine".

In un'intervista al Kieler Nachrichten, il leader locale dei Democratici liberi (FDP), Wolfgang Kubicki, ha espresso preoccupazione per il peggioramento delle condizioni di sicurezza a Kiel:

"Non è possibile che le ragazze e le donne, così come i loro genitori o mariti, devono aver paura negli spazi pubblici. La gente si chiede: 'Se non si è più sicuri al Sophienhof, allora dove dovremmo esserlo?'

"I responsabili devono essere consegnati alla giustizia. Noi non dobbiamo dare l'impressione che i responsabili rimarranno impuniti per tali aggressioni. (...) Chiudere un occhio su episodi del genere è l'esatto opposto dell'integrazione e alla fine porta alla creazione di società parallele.

"Si inizia con le piccole cose. Troppo spesso continuo a sentire dalla polizia quanto siano irrispettosi i giovani migranti nei confronti dei poliziotti. Dobbiamo sostenere le nostre forze di sicurezza e avere fiducia nella polizia e nella magistratura. Altrimenti, si rischia che i cittadini si facciano giustizia da soli. Non voglio vedere ronde che pattugliano le nostre strade".

Kubicki si riferiva alle rivelazioni in merito al fatto che i politici di Kiel hanno ordinato alla polizia della città di sorvolare sui numerosi crimini perpetrati dai migranti. Un documento che è trapelato sulle pagine del quotidiano Bild alla fine di gennaio ha dimostrato che gli ordini erano stati impartiti nell'ottobre 2015, quando più di 10.000 migranti entravano ogni giorno in Germania. Secondo il Bild, alla polizia del Nord Reno-Westafalia e della Bassa Sassonia è stato detto di essere indulgente con i migranti che si macchiano di reati.

Nel frattempo, proseguono (si veda l'appendice alla fine dell'articolo) gli stupri e le aggressioni sessuali su donne e minori tedeschi per mano di migranti e rifugiati – la polizia tedesca spesso si riferisce a loro usando eufemismi politicamente corretti come "meridionali" (Südländer), uomini dalla "pelle scura" (dunkelhäutig, dunklere Gesichtsfarbe, dunklem Hauttyp) o combinando i due termini, ossia uomini dalla "carnagione scura da meridionali" (südländische Hautfarbe).

A sinistra: Il 25 febbraio, almeno una trentina di migranti ha aggredito sessualmente tre ragazze (di 15, 16 e 17 anni) nel centro commerciale Sophienhof di Kiel, in Germania. La polizia ha arrestato solo due uomini. A destra: Solamente nel corso dei primi due mesi di quest'anno, sono state segnalate decine di casi di migranti che hanno perpetrato aggressioni sessuali su donne e minori nelle piscine pubbliche da un capo all'altro della Germania. In alcune zone, le autorità hanno distribuito delle guide illustrate per "spiegare" ai migranti che le aggressioni a sfondo sessuale non sono ammesse.

Le statistiche attendibili sui reati sessuali commessi dai migranti sono notoriamente evasive. Le autorità tedesche sono state ripetutamente accusate di aver sottostimato le reali dimensioni della criminalità nel paese. Ad esempio, secondo il presidente dell'Associazione dei funzionari della polizia criminale tedesca (Bund Deutscher Kriminalbeamter, BDK), André Schulz, fino al 90 per cento dei reati sessuali commessi in Germania nel 2014 non appaiono nelle statistiche ufficiali.

Il 25 febbraio, il quotidiano Die Welt ha riportato la notizia che le autorità del land dell'Assia hanno insabbiato le informazioni riguardanti i reati commessi dai migranti, apparentemente a causa di una "mancanza di interesse pubblico".

Il 24 gennaio, lo stesso giornale aveva detto che la soppressione dei dati sulla criminalità connessa all'immigrazione è "un fenomeno che riguarda l'intera Germania". Secondo Rainer Wendt, presidente del sindacato della polizia tedesca, "ogni agente di polizia sa che deve soddisfare una particolare aspettativa politica. È meglio tacere [sui crimini commessi dai migranti] perché si può sbagliare".

Il 22 gennaio, la rivista Focus ha reso noto che l'Ufficio federale antidiscriminazione (Antidiskriminierungsstelle des Bundes, ADS) ha esercitato pressioni sulla polizia del Nord Reno-Westfalia (NRW) affinché nei comunicati stampa non scrivesse più "gruppi criminali nordafricani". Secondo il giornale, l'ADS ha scritto: "C'è il pericolo che la gente di questi paesi sia sottoposta al sospetto generale. Vi invitiamo a eliminare dai comunicati stampa ogni riferimento all'origine nordafricana". La polizia del Nord Reno-Westfalia ha in seguito eliminato le parole incriminate perché "non si può escludere che la nostra formulazione nel comunicato stampa potrebbe essere fraintesa come un'affermazione discriminatoria". È interessante notare che l'articolo di Focus è stato rimosso dalla pagina web della rivista.

Qualche giornalista tedesco sta minimizzando o razionalizzando la crescente violenza sessuale contro le donne e i minori. Secondo Jakob Augstein, un autorevole editorialista della rivista Der Spiegel, i tedeschi preoccupati per i crimini dei migranti sono mossi dal razzismo.

Poco dopo le aggressioni di Capodanno a Colonia, Augstein ha ridicolizzato l'idea che i migranti musulmani si siano accaniti contro le donne tedesche. Sulla sua pagina Facebook, egli ha scritto:

"Siamo così razzisti. Ognuno ha voluto immediatamente credere che 1.000 nordafricani avevano scatenato l'inferno. Mille. Si tratta di una cifra immaginaria. Proprio come i tre capelli d'oro del diavolo. I sette nani o la tredicesima fata.

"Un migliaio di tunisini ha attaccato le 'nostre' donne. Questo è proprio quello che ci serviva. Lo straniero e la sua sessualità minacciosa – questo è il più antico pregiudizio del razzismo".

Ora, Augstein asserisce che le aggressioni sessuali perpetrate dai migranti sono una forma di ribellione sociale.

Scrivendo sulla sua pagina Facebook il 23 febbraio, Augstein ha argomentato che le vere vittime in tutto questo sono i migranti perché occupano un gradino basso nella gerarchia sociale della Germania. Egli ha scritto:

"Le vittime di Colonia erano inferiori ai loro perpetratori solo al momento delle aggressioni. Quelle donne erano impotenti e indifese quando sono state aggredite e derubate. Ma prima e dopo le aggressioni esse erano e sono superiori ai loro aggressori.

"Per le vittime di Clausnitz [dove il 18 febbraio, una folla anti-migranti ha cercato di bloccare l'arrivo in città di 20 richiedenti asilo] è diverso: essi erano inferiori agli aggressori prima dell'accaduto, durante e dopo gli incidenti. Sono sempre inferiori.

"La violazione della legge a Colonia ha causato una breve rottura della gerarchia stabilita, un'inversione del reale equilibrio di potenza. Il motivo è che in questo momento il rapporto tra la vittima e l'autore del reato è stato ridotto alla forza fisica. Per il resto, le vittime di Colonia sono superiori ai loro perpetratori: lingua, nazionalità, istruzione, status sociale, benessere, sicurezza giuridica, fiducia in se stesse. ...

"A Clausnitz, il forte ha soggiogato il debole. Questo rende l'attacco di Clausnitz così ripugnante. E – se si vuole realmente fare raffronti – questo conferisce all'aggressione di Clausnitz una qualità morale diversa dalle aggressioni di Colonia".

Augstein, le cui opinioni non state seriamente messe in discussione dai principali media, mette in luce la visione capovolta del multiculturalismo tedesco: i migranti che aggrediscono donne e minori si stanno semplicemente ribellando contro le strutture di potere tedesche. I tedeschi che osano criticare tali aggressioni sono razzisti.

Nel frattempo, il 24 febbraio, un tribunale di Colonia ha pronunciato la prima sentenza relativa al caos creatosi in città la sera di Capodanno, quando più di un migliaio di migranti ha aggredito sessualmente centinaia di donne tedesche in una piazza pubblica davanti alla Cattedrale. Un migrante marocchino di 23 anni è stato condannato a sei mesi di detenzione con sospensione condizionale della pena e a pagare 100 euro (108 dollari) di multa per aver rubato il cellulare di una donna. Finora, nessuno è stato accusato di aggressione sessuale.

Durante un'intervista nel programma televisivo Kölnische Rundschau, il capo della polizia di Colonia, Jürgen Mathies, ha ammesso che la maggior parte degli autori delle aggressioni non saranno mai consegnati alla giustizia. Egli ha detto che le immagini dei video di sorveglianza sono troppo sfocate per poter identificare con certezza i colpevoli.

La polizia di Colonia dice di aver ricevuto più di 1.000 denunce da parte di donne, tra cui 454 segnalazioni di aggressioni a sfondo sessuale, legate alla notte di Capodanno. La polizia di Amburgo ha ricevuto denunce da parte di 351 donne, tra cui 218 segnalazioni di aggressioni sessuali commesse quella stessa sera.

La polizia ora lancia l'allarme su un possibile collasso dell'ordine pubblica la prossima estate, quando le donne indossando abiti più leggeri si troveranno faccia a faccia con i giovani migranti di sesso maschile.

Soeren Kern è senior fellow al Gatestone Institute di New York. È anche senior fellow per la politica europea del Grupo de Estudios estratégicos/Strategic Studies Group che ha sede a Madrid. Seguitelo su Facebook e Twitter. Il suo primo libro, Global Fire, uscirà all'inizio del 2016.

Appendice

Aggressioni sessuali e stupri perpetrati in Germania, a gennaio-febbraio 2016

Il Gatestone Institute ha pubblicato un primo articolo sull'epidemia di stupri da parte dei migranti a settembre 2015. Il problema si è ora diffuso nelle città e nei paesi di tutti i 16 Stati federati o länder della Germania. Qui di seguito sono riportati alcuni episodi commessi solo nei primi due mesi del 2016.

1 gennaio. Più di un migliaio di migranti hanno molestato e aggredito sessualmente centinaia di donne a Colonia, Amburgo e Stoccarda.

4 gennaio. Un gruppo di giovani migranti ha aggredito sessualmente una ragazza disabile a Bielefeld.

5 gennaio. Un migrante afgano ha tentato di violentare una 15enne a Burghausen.

7 gennaio. Un richiedente asilo di 36 anni è stato arrestato per aver stuprato un ragazzo di 16 anni all'interno del municipio di Wolfsburg. Un "meridionale" (südländisch, arabisch) ha molestato sessualmente una 13enne nei pressi della stazione ferroviaria di Ellwangen.

8 gennaio. Un migrante siriano di 17 anni ha mostrato i genitali alle donne presenti in una piscina di St. Ingbert.

9 gennaio. Una donna di 48 anni è stata violentata da tre migranti a Dresda. Gli stupratori non sono stati arrestati. Sempre il 9 gennaio, una donna di 45 anni è stata molestata da un uomo "che parlava arabo" a Gleidingen, una cittadina nei pressi di Hannover. Un gruppo di cinque nordafricani (algerini e marocchini) ) ha aggredito sessualmente cinque donne a Oldenburg. Una donna di 31 anni è stata vittima di un'aggressione sessuale perpetrata da due migranti del Nord Africa (Libia, Tunisia) nella stazione ferroviaria di Lipsia. Un migrante ha tentato di violentare una donna di 46 anni a Saarbrücken-Altenkessel.

10 gennaio. Un gruppo di "meridionali" (südländisches Aussehen) ) ha aggredito sessualmente tre ragazze in una piscina pubblica ad Ansbach. Un 21enne dell'Africa Occidentale è stato arrestato per aver violentato una ragazza di 15 anni nella stazione ferroviaria di Wuppertal. Un migrante siriano di 36 anni ha aggredito sessualmente una donna di 20 anni a Bornhöved. La donna stava mostrando all'uomo un appartamento da affittare.

11 gennaio. Un migrante pakistano di 35 anni ha molestato sessualmente una bambina di 3 anni in un centro di accoglienza per rifugiati a Kamen. Otto migranti hanno tentato di violentare una donna in un negozio di alimentari ad Ampfing. La donna si è difesa usando uno spray urticante. Un marocchino di 20 anni ha aggredito una donna di 24 anni a Frankenberg.

12 gennaio. Un "meridionale" ((südländisch aussehenden) ha stuprato una 16enne a Wuppertal. Due uomini "arabofoni" hanno aggredito sessualmente una donna di 37 anni a Fröndenberg.

13 gennaio. Quattro migranti ((südländisch aussehen) hanno tentato di violentare una ragazzina di 13 anni a Gelsenkirchen. Tre migranti hanno aggredito sessualmente una donna di 31 anni a Oldenburg. Un migrante ha tentato di stuprare una donna in una stazione ferroviaria ad Altötting. La donna si è difesa usando uno spray al peperoncino. Tre "meridionali" (südländischer oder arabischer Herkunft) hanno aggredito una donna a Bad Münstereifel.

14 gennaio. Tre migranti ((südländische Hautfarbe) hanno aggredito sessualmente una donna di 47 anni nella città bavarese di Dingolfing. Tre "meridionali" (Südländer) hanno aggredito una donna di 22 anni su un treno a Bremerhaven.

15 gennaio. Un migrante di 36 anni ha molestato sessualmente una bambina di 8 anni in un parco pubblico a Hilden, nei pressi di Solingen. Un migrante tunisino di 31 anni è stato arrestato per aver tentato di violentare una donna di 30 anni a Chemnitz. Un migrante di 31 anni del Marocco è comparso in tribunale per aver stuprato una donna di 31 anni a Dresda. Un migrante ha aggredito una donna di 42 anni a Mainz. Un migrante ((dunkleren Teint) ha aggredito sessualmente una donna di 32 anni a Münchfeld. Un migrante africano ha molestato sessualmente una donna di 55 anni a Mannheim.

Sempre il 15 gennaio, a tutti i migranti maschi di età superiore ai 18 anni è stato vietato l'ingresso alla piscina pubblica di Bornheim, nei pressi di Bonn, dopo che c'erano state una serie di aggressioni alle donne che frequentavano l'impianto. La misura è stata bollata come razzista dai media tedeschi.

16 gennaio. Un migrante siriano ha molestato sessualmente un ragazzino di 12 anni a Mudersbach. Il migrante è stato arrestato ma poi rilasciato. Un migrante marocchino di 25 anni ha aggredito due donne in un negozio di alimentari a Zeithain.

17 gennaio. Tre "meridionali" (Südländer) hanno tentato di violentare una giovane donna a Kiel. Due migranti (di 19 e 38 anni ) hanno aggredito sessualmente una donna di 21 anni in un ristorante della stazione ferroviaria di Norimberga. Un migrante afgano di 19 anni ha aggredito quattro ragazze (tra gli 11 e i 13 anni) in una piscina pubblica a Dresda. Migranti hanno invaso gli spogliatoi femminili in una piscina a Burghausen. Due "meridionali" (dunklen/südländischen Typ) hanno tentato di violentare una donna di 42 anni in una farmacia ad Altötting.

18 gennaio. Un migrante siriano di 43 anni ha aggredito una donna di 63 anni a Wetzlar. La polizia dice che l'uomo ha anche aggredito altre donne (di 62 e 74 anni) sempre a Wetzlar.

19 gennaio. Un migrante eritreo di 17 anni ha tentato di violentare una ragazza di 18 anni in un parcheggio a Bad Oldesloe. Quando la polizia è intervenuta, il ragazzo ha dato una testata a un agente, che è stato ricoverato in ospedale.

20 gennaio. Migranti hanno invaso le docce e gli spogliatoi femminili di due piscine pubbliche a Lipsia.

21 gennaio. Un uomo dalla "pelle scura" (schwarz glänzende Hautfarbe) ha tentato di stuprare una ragazzina di 13 anni a Langenfeld. Due migranti hanno aggredito una ragazza di 18 anni a Dingolfing.

22 gennaio. Un migrante (südländisches Äußeres) ha tentato di violentare una ragazza di 16 anni nel quartiere di Feuerbach a Stoccarda, e al centro della città, quattro uomini "dall'aspetto arabo" (arabisches Aussehen) hanno aggredito sessualmente una donna di 23 anni. Migranti hanno molestato alcune donne in una piscina pubblica a Zwickau.

23 gennaio. Migranti hanno aggredito sessualmente due ragazzine di 11 anni in una piscina pubblica a Wilhelmshaven. Due richiedenti asilo afgani hanno aggredito due ragazze 17enni in una piscina pubblica a Straubing. Tre migranti di 16 anni provenienti dall'Afghanistan e dalla Siria hanno aggredito due ragazzine di 13 anni in una piscina comunale a Hachenburg.

Sempre il 23 gennaio, un migrante di 35 anni ha tentato di violentare una donna nel bagno di un treno, a Düsseldorf. Un migrante siriano di 22 anni ha mostrato i genitali su un treno, a Hannover. Un richiedente asilo siriano di 18 anni ha stuprato una 17enne a Straubing. Due uomini non identificati hanno aggredito sessualmente una 18enne a Wiesbaden.

24 gennaio. Due uomini che parlavano "un tedesco stentato" hanno tentato di stuprare una donna di 25 anni a Lehrte mentre stava tornando a casa dalla stazione ferroviaria. Gli uomini le hanno puntato un coltello alla gola e ordinato di "spalancare le gambe".

25 gennaio. Un migrante di 30 anni del "Nord Africa" ((nordafrikanischem Erscheinungsbild) ha mostrato i genitali a una donna di 19 anni su un bus di linea a Marburgo e poi ai passanti nella stazione ferroviaria centrale.

26 gennaio. Un migrante di 35 anni ha tentato di stuprare una ragazzina a Bochum. Due donne che si trovavano a passare di là sono intervenute e hanno chiamato la polizia.

27 gennaio. Due "meridionali" (dunklem Teint) hanno aggredito sessualmente una 15enne alla fermata di un autobus a Überlingen. Un richiedente asilo di 21 anni ha aggredito una ragazza di 18 anni in uno spogliatoio femminile di una palestra a Lahr.

28 gennaio. Un migrante sudanese ha aggredito sessualmente una poliziotta a Hannover mentre lo stava arrestando per furto. Due "minori profughi" (minderjährige Flüchtlinge) hanno aggredito sessualmente una 12enne in un centro di accoglienza per minori a Düsseldorf. In seguito è emerso che uno dei perpetratori era un migrante iraniano di 22 anni che aveva affermato di avere 16 anni per essere ospitato nella struttura. Un migrante afgano di 17 anni ha aggredito una ragazzina di 14 anni a Frankenberg. Un "meridionale" (Südländer) ha aggredito sessualmente una ragazza di 18 anni a Backnang.

31 gennaio. Un tedesco di 30 anni, originario del Turkmenistan, ha violentato una bambina di 7 anni a Kiel. L'uomo ha rapito la piccola nel cortile della scuola alle 11 del mattino, l'ha portata nel suo appartamento e dopo averne abusato l'ha lasciata andare. In seguito, è emerso che l'uomo, che è padre di due bambini, era stato accusato di aver molestato, il 18 gennaio, una bambina di 5 anni in un asilo di Kiel, ma i pubblici ministeri non sono riusciti a perseguirlo penalmente per insufficienza di prove.

Sempre il 31 gennaio, (ausländischem Aussehen) ha aggredito sessualmente una ragazza di 17 anni a Vilshofen. Uno uomo dalla "pelle scura" (dunkelhäutig) ha aggredito una donna a Villingen. Due migranti nordafricani hanno aggredito sessualmente due ragazze di 15 anni a Salzgitter.

1 febbraio. Un richiedente asilo siriano di 40 anni ha baciato un bambino di 7 anni alla fermata di un autobus a Gaildorf.

2 febbraio. Due uomini dalla "pelle scura" hanno aggredito una donna di 31 anni, incinta di nove mesi, nel parcheggio di un supermercato a Schweinfurt. Un migrante di 26 anni utilizzando diverse identità ha aggredito tre donne su un treno a Berlino. Due uomini dalla "pelle scura" (dunklem Hauttyp) hanno aggredito una 14enne su uno scuolabus a Eslohe.

3 febbraio. Tre migranti afgani hanno aggredito sessualmente due ragazzine francesi di 14 anni in una piscina pubblica a Monaco. Un migrante di 16 anni ha aggredito una ragazza di 16 anni in una piscina comunale a Heidenheim. Un migrante libico di 18 anni ha tentato di stuprare una donna di 25 anni a Leipzig. Un "uomo dall'aspetto meridionale" (südländisch aussehend) ha mostrato i genitali ai passeggeri di un treno regionale a Harburg.

4 febbraio. Un migrante nigeriano di 29 anni ha violentato una donna di 21 anni a una sfilata di carnevale a Schloß Holte-Stukenbrock. Un richiedente asilo siriano di 25 anni ha aggredito due donne nel corso della stessa sfilata. Più di venti donne sono state aggredite sessualmente durante le sfilate carnevalesche a Colonia. Un migrante siriano ha aggredito sessualmente una donna di 49 anni dopo i festeggiamenti del carnevale a Bad Reichenhall. Un migrante di 29 anni ha aggredito una donna durante i festeggiamenti del carnevale a Dinslaken.

Sempre il 4 febbraio, un migrante africano (Schwarzafrikaner) ha aggredito una donna in un supermercato a Lörrach. All'arrivo della polizia, l'uomo ha aggredito due agenti, che hanno dovuto chiedere rinforzi per bloccarlo. La polizia non è riuscita a identificare l'uomo perché era in possesso di un documento d'identità falso. Un migrante eritreo che aveva aggredito due donne a Zeithain è stato rilasciato dopo che un giudice aveva dichiarato che l'uomo era ubriaco quando aveva commesso i reati. Un "meridionale" (Südländer) ha aggredito una giovane donna a Elsfleth.

5 febbraio. Gruppi di migranti nordafricani hanno aggredito molte donne al carnevale di Colonia. Due migranti hanno molestato sessualmente una 16enne a Straubing. Un migrante ha aggredito una ragazza di 19 anni a Villingen-Schwenningen. Due uomini "dall'aspetto arabo" (arabisch aussehend) hanno aggredito una 13enne a Klietz.

6 febbraio. Un gruppo di 30 migranti ha tentato di violentare una ragazza di 18 anni a Mühldorf am Inn, una città bavarese. Tre migranti afgani sono stati arrestati per aggressione sessuale ai danni di molte donne nel corso della sfilata carnevalesca a Laufenburg. Un migrante iracheno di 28 anni ha aggredito una donna durante il carnevale a Bocholt. Un migrante di 24 anni ha aggredito due ragazze 15enni durante la sfilata di carnevale a Badorf. Un migrante giordano di 48 anni ha aggredito una ragazza di 16 anni a una sfilata di carnevale a Francoforte. "Cinque o sei" migranti hanno aggredito una donna di 25 anni dopo i festeggiamenti del carnevale a Colonia. Sette "stranieri" (Ausländer) hanno aggredito numerose donne al carnevale a Costanza.

Sempre il 6 febbraio, un "meridionale" (südländisches Aussehen) ha aggredito sessualmente un uomo di 19 anni a Ravensburg. Quattro "meridionali" (südländisches Aussehen) hanno aggredito e derubato due ragazzine (di 13 e 14 anni) nei pressi della stazione ferroviaria a Bochum. Un migrante (dunklen Teint) ha aggredito una donna a Friedrichstadt. Cinque migranti hanno aggredito sessualmente una ragazzina di 11 anni in una piscina pubblica a Celle.

7 febbraio. Un migrante algerino di 24 anni ha aggredito due ragazzine adolescenti al carnevale di Rietberg. Tre uomini "dall'aspetto arabo" (arabisches Aussehen) hanno aggredito sessualmente diverse donne durante il carnevale a Mainz. Due uomini dalla "pelle scura" (dunkelhäutige Männer) hanno aggredito sessualmente una donna di 31 anni a Gütersloh. Quattro migranti afgani sono stati arrestati per aver aggredito due ragazze di 14 anni durante i festeggiamenti del carnevale a Erfurt. Quattro migranti afgani hanno aggredito sessualmente una ragazza di 17 anni a Heppenheim. Molte donne sono state aggredite durante i festeggiamenti del carnevale a Hardheim. Un migrante marocchino di 21 anni ha aggredito sessualmente una donna durante il carnevale a Kranenburg. Due uomini dalla "pelle scura" (dunkelhäutig) hanno aggredito due donne al carnevale a Flieden.

Sempre il 7 febbraio, un migrante afgano di 17 anni ha aggredito sessualmente una 12enne in una piscina comunale a Landshut. Un migrante afgano di 16 anni ha molestato sessualmente diverse donne a Schillerplatz, una grande piazza al centro di Mainz. Un uomo dalla "pelle scura" dunklem Hauttyp) ha aggredito sessualmente una ragazza di 17 anni a Backnang. Tre uomini "dall'aspetto meridionale" (südländischem Aussehen) hanno aggredito una donna a Offenburg. Un gruppo di migranti dalla "pelle scura" (dunklen Teint) ha molestato sessualmente una 16enne a Ochtrup

Sempre il 7 febbraio, un uomo dalla "pelle scura" (dunkelhäutig) ha aggredito sessualmente una donna di 24 anni a Mühldorf. Cinque migranti hanno aggredito una 15enne a Bernburg. Un "meridionale" (südländisches Aussehen) ha aggredito una donna di 37 anni su un autobus a Bochum. Due "meridionali" (zwei Südländer) hanno molestato sessualmente una ragazza di 18 anni su un treno espresso a Stoccarda. Un "meridionale" (südländisch Aussehen) ha aggredito una donna di 39 anni nei pressi della stazione ferroviaria a Dresda. Un migrante ha aggredito una donna di 46 anni a Eppelheim.

8 febbraio. Un migrante di 35 anni ha aggredito sessualmente una 15enne durante i festeggiamenti del carnevale a Siegburg. Due marocchini hanno aggredito una donna di 49 anni ad Andechs.

9 febbraio. Migranti nordafricani hanno aggredito una 19enne durante il carnevale a Opladen, un quartiere di Leverkusen. Diversi "meridionali" (Südländer) hanno aggredito una donna di 23 anni nel parcheggio di un supermercato a Göttingen. Quattro migranti hanno aggredito sessualmente una 13enne in una piscina pubblica a Borghorst.

11 febbraio. Un richiedente asilo di 36 anni ha stuprato una ragazzina di 14 anni in un centro di accoglienza migranti a Braunschweig.

12 febbraio. Un uomo dalla "pelle scura" (dunkle Teint) ha aggredito sessualmente un ragazzo in una piscina pubblica a Nordenham. In un'altra piscina pubblica di Nordenham, un migrante ha aggredito un ragazzo. Tre uomini dalla "pelle scura" (dunkle Hautfarbe) hanno aggredito una ragazza di 16 anni a Füssen.

13 febbraio. Diversi migranti hanno aggredito tre ragazzine (di età compresa tra i 10 e gli 11 anni) in una piscina pubblica a Norden. Un migrante ha aggredito una donna di 49 anni in una panetteria a Gütersloh.

14 febbraio. Due migranti provenienti dall'Iran e dalla Siria hanno aggredito due ragazzine di 10 e 11 anni in una piscina comunale a Dresda. Quattro migranti hanno aggredito una 19enne a Duisburg. Migranti hanno aggredito diverse donne in un discoteca a Mengeringhausen.

15 febbraio. Un nordafricano di 17 anni ha aggredito molte donne nella stazione ferroviaria centrale di Brema. Un migrante algerino di 23 anni ha aggredito una 14 enne su un vagone della metropolitana a Francoforte. Quattro uomini dalla "pelle scura" (Dunkelhäutige) hanno aggredito una donna di 35 anni a Künzelsau.

16 febbraio. Un uomo "dall'aspetto arabo" ha aggredito una 14enne su un autobus a Dörzbach.

17 febbraio. Un uomo dalla "carnagione scura" (dunklem Hautteint) ha mostrato i genitali ai passanti nel quartiere di Biebrich a Wiesbaden. Un ragazzo di "14-15 anni" dalla "pelle scura" (dunkler Teint) ha mostrato i genitali a molte donne a un semaforo di Hörstel. Due "meridionali" (südländischem Aussehen) hanno aggredito una donna di 25 anni a Dresda.

18 febbraio. Tre uomini "dall'aspetto meridionale" (südländische Erscheinung) hanno tentato di stuprare una donna a Uelzen. Almeno uno degli uomini è stata attaccato dal cane Rottweiler della donna.

20 febbraio. Un richiedente asilo iracheno di 34 anni ha aggredito due ragazzine di 13 e 14 anni in un supermercato a Rotenburg. Due uomini dalla "pelle scura" (dunklen Teint) che parlavano un tedesco stentato hanno violentato una donna in un cimitero a Biberach. Un migrante bosniaco di 51 anni è stato arrestato per aver ripetutamente stuprato una ragazza di 17 anni nel quartiere di Feuerbach a Stoccarda. Due uomini dalla "pelle molto scura" hanno aggredito sessualmente una 19enne a Trier. Un migrante afgano di 28 anni ha tentato di violentare una donna a Blankenburg. Un uomo dalla "pelle scura" (dunklen Teint) ha aggredito sessualmente un uomo di 23 anni a Greven.

21 febbraio. Sette migranti afgani e iraniani hanno invaso gli spogliatoi femminili in una piscina pubblica ad Aurich. Un migrante siriano di 35 anni ha aggredito una 14enne in una piscina a Eckernförde. Un migrante non identificato ha stuprato una donna di 21 anni alla stazione ferroviaria di Bad Schwartau. Un migrante di 44 anni ha aggredito sessualmente una volontaria di 29 anni in un centro di accoglienza per rifugiati a Großenlüder. Un "meridionale" (südländisches Aussehen) ha aggredito una 14enne su un treno a Neubrandenburg. Diversi giorni dopo, la stessa ragazzina è stata aggredita dallo stesso sospettato in un parco giochi della città.

22 febbraio. Un uomo "che parlava tedesco con un accento straniero" ha aggredito sessualmente una 20enne ad Asperg. Un "meridionale" (südländischer Typ) ha aggredito una 16enne a Feldkirchen. Due uomini "turchi o arabi" hanno tentato di violentare una ragazza di 15 anni a Brandenburgo.

23 febbraio. Un migrante di 16 anni che ha stuprato due bambini (di 9 e 11 anni) nella città di Glöwen è stato scarcerato. Il giudice ha stabilito che poiché il sospettato vive con i genitori e non ha soldi, non presenta rischio di fuga. Un migrante algerino di 34 anni ha aggredito due donne (di 17 e 22 anni) in una stazione della metropolitana di Berlino. Un migrante si è masturbato davanti a una donna di 19 anni su un autobus di linea a Chermitz. Un migrante si è masturbato davanti a una donna di 21 anni su un vagone della metropolitana a Chemnitz.

24 febbraio. Un richiedente asilo nigeriano di 31 anni ha aggredito sessualmente una donna di 21 anni in una chiesa a Weilheim. La polizia dice che l'uomo aveva già aggredito un'altra donna nella stessa chiesa. Egli ha anche aggredito due donne nel municipio e un'altra in una casa di cura. Un "meridionale" (südländischem Äußeren) ha aggredito una 18enne a Kassel.

25 febbraio. Un uomo dalla "pelle scura" (südländische Hautfarbe) ha aggredito due ragazze (di 13 e 15 anni) su un bus di linea nel quartiere di Mockau-Nord a Lipsia. Un uomo "africano" (afrikanischen Typ) ha aggredito una donna di 48 anni, su un tram a Lipsia.

26 febbraio. Due migranti afgani sono stati accusati di aver violentato una donna di 24 anni a Magdeburgo. Un uomo di 29 anni è stato arrestato per aver aggredito diverse donne alla stazione ferroviaria di Mülheim an der Ruhr. Un richiedente asilo di 20 anni ha aggredito una donna di 20 anni a Landau.

28 febbraio. Due migranti afgani (di 14 e 34 anni) hanno violentato due ragazze (di 14 e 18 anni) in una piscina pubblica a Norderstedt. Due migranti afgani hanno aggredito sessualmente una 19enne a Mannheim. Un "meridionale" (südländischer Typ) ha aggredito una donna di 46 anni davanti al municipio di Schwarzenbach. Un migrante algerino di 19 anni ha aggredito una donna di 21 anni a Hamm.

Argomenti correlati:  Crisi migratoria in Europa, Germania
Articoli recenti di
per ricevere l'ultimo articolo per email, iscriviti alla mailing list togratuita del gatestone institute.

it